La dichiarazione d’amore

E’ andata.

Liscia, direi.

E’ stata una presentazione lineare, very professional, direi, soprattutto grazie alle doti oratorie di Patrizia Pasqui, che ha elogiato il libro e invitato a comprarlo.

E’ andata bene anche grazie alle letture di Alessandra che, sul brano tratto da Shopping, si è commossa quasi con lacrimuccia. Viola dice che lo ha fatto apposta per vendere 5 o 6 copie in più del libro.

Ma si era commossa anche leggendolo a casa.

Ringrazio Viola che si è occupata, in modo magistrale, delle vendite, dimostrando che le eredità familiari si trasmettono, in un modo o nell’altro.

Riguardo alle mie parole, il momento di maggior attenzione c’è stato quando ho parlato dell’innocenza dei figli e delle grosse responsabilità dei genitori. E quando ho parlato della morte.

Ma il momento clou è arrivato sul finale.

Alla fatidica domanda rivolta da Patrizia Pasqui al pubblico “Ci sono delle  domande?”, e all’imbarazzato silenzio della platea, proprio prima di chiudere l’incontro, un uomo è salito sul palco e si è avvicinato al microfono. Ha chiesto scusa e ha detto che doveva fare un annuncio importante. Dopodiché ha detto che lui non ce la faceva e doveva proprio dirlo, che era innamorato e che era una cosa bellissima, e che la ragazza degna di tanto amore era proprio in fondo alla sala, la ragazza bionda della Fisar che avrebbe dovuto servire l’aperitivo subito dopo l’incontro.

E’ partito l’applauso.

L’uomo se n’è andato.

Che bel finale! Thanatos e Eros, una volta tanto nell’ordine inverso.

La ragazza, però,  pareva un po’ contrariata.

Alla fine dell’incontro sono andato da lei a prendere un bicchiere di prosecco. Mi ha spiegato che la dichiarazione non era stata gradita, e che l’uomo avrebbe fatto bene a comportarsi così quando stavano sempre insieme, invece di regalarle un colino (un colino?).

Surreale.

In ogni caso, dovrebbe esistere un videino dell’evento. Appena lo recupero vi metterò un link.

La presentazione, comunque, è andata molto bene.

Annunci

About this entry