La classifica finale del 2009!

Eccoci qua.

Avevo già dato degli aggiornamenti rispetto alla vecchia classifica, in particolare sui racconti che hanno avuto la loro prima preferenza (gli ex “Poverini!”). Ecco, niente più poverini. Un po’ come bimbi adottati in un orfanotrofio, anche i racconti più sfortunati hanno avuto qualcuno che li ha scelti. Che li ha amati.

La Fine Soltanto è uscito da quasi tre mesi, e un po’ di lettori me ne hanno parlato. E’ vero che i gusti sono soggettivi, ma ci sono delle costanti a cui sto molto attento in prospettiva dei miei prossimi scritti. In questo senso le interviste video che abbiamo realizzato per il Presentacolo sono state molto utili (a breve il video sarà messo in rete). Quali racconti “funzionano” di più? E quali di meno? E perché? Quante persone sono contente dei finali a sorpresa, e quante invece li trovano ridondanti? Perché piacciono di più i racconti coi bambini? E perché, alla fine, rimangono impressi quelli che intristiscono, che fanno stare peggio? Funzionano di più i racconti brevissimi o quelli più lunghi?

Quando chiedo alle persone che hanno letto il libro qual è il loro racconto preferito, non è un vezzo, mi serve sapere la risposta, mi dà degli indizi che condivido con voi. Quindi eccovi di seguito la classifica dei racconti. Nessun cambiamento riguardo al preferito in assoluto, l’amarissimo Shopping, che sovrasta gli altri. Per il secondo posto c’è un’interessante lotta intestina.

Tutto il resto è noia. Tra parentesi il numero delle preferenze.

1. Shopping (22)

2. Meduse (11)

2. Il venerdì nero (11)

2. La fine soltanto (11)

5. D’istruzione (6)

6. L’amore che si dà (5)

6. Il piede della pianista (5)

6. Sul  molo (5)

7. Il primo giorno a Budapest (4)

8. Decisioni (3)

8. San galgano (3)

8. Il velo di Maya (3)

8. Eleganza (3)

12. La cenetta di Max Costa detto il Filo (2)

12. Il prologo (2)

12. Il cinghiale (2)

14. Il colloquio (1)

14. Al termine della notte (1)

14. Pomiciare (1)

14. Gregory Steps (1)

Quest’ultimo in origine si intitiolava Colimpax, ed è un omaggio alla fantascienza. Ma, vista la bassa posizione in classifica, sarà bene che mi dia al realismo, NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO?

Annunci

About this entry