Lettera a una figlia

Alessandra mi ha segnalato un post in inglese dove si riporta la parte conclusiva di una lettera che lo scrittore americano Francis Scott Fitzgerald (autore del capolavoro Tenera è la notte, che consiglio a tutti) scrisse a sua figlia Scottie di dodici anni mentre questa era al campeggio estivo. Era il 1933. Siccome è divertente e istruttiva, e spiega molto del rapporto padri-figli, ho deciso di postarla con la traduzione in italiano.

 

Things to worry about:                               Cose di cui preoccuparsi:

Worry about courage                                          Preoccupati del coraggio
Worry about cleanliness                                    Preoccupati della pulizia
Worry about efficiency                                      Preoccupati dell’efficienza
Worry about horsemanship                            Preoccupati dell’equitazione

Things not to worry about: Cose di cui non preoccuparsi:

Don’t worry about popular opinion               Non preoccuparti dell’opinione comune
Don’t worry about dolls                                       Non preoccuparti delle bambole
Don’t worry about the past                                Non preoccuparti del passato
Don’t worry about the future                           Non preoccuparti del futuro
Don’t worry about growing up                        Non preoccuparti di crescere
Don’t worry about anybody getting ahead of you         Non preoccuparti di qualcuno che ti superi
Don’t worry about triumph                              Non preoccuparti del trionfo
Don’t worry about failures unless it comes through your own fault     Non preoccuparti dei fallimenti a meno che non dipendano da te stessa
Don’t worry about mosquitoes                         Non preoccuparti delle zanzare
Don’t worry about flies                                         Non preoccuparti delle mosche
Don’t worry about insects in general     Non preoccuparti degli insetti in generale
Don’t worry about parents                                 Non preoccuparti dei tuoi genitori
Don’t worry about boys                                      Non preoccuparti dei ragazzi
Don’t worry about disappointments             Non preoccuparti delle delusioni
Don’t worry about pleasures                            Non preoccuparti dei piaceri
Don’t worry about satisfactions                     Non preoccuparti delle soddisfazioni

Things to think about:                                  Cose a cui pensare:

What am I really aiming at?                               Qual è realmente il mio fine?

How good am I really in comparison to my contemporaries in regard to:           Quanto sono brava rispetto ai miei contemporanei riguardo a:

(a) Scholarship

(a) Istruzione

(b) Do I really understand about people and am I able to get along with them?

(b) Capisco davvero le persone e sono in grado di andarci d’accordo?

(c) Am I trying to make my body a useful instrument or am I neglecting it?

(c) Sto cercando di rendere il mio corpo uno strumento utile o lo sto trascurando?

In molte frasi pare che, più che a sua figlia, Fitzgerald parli a se stesso, provando a minimizzare le sue ansie e le sue preoccupazioni (non preoccuparti del trionfo, dell’opinione comune, dei fallimenti, ecc.). E di questo pare conspevole anche sua figlia Scottie, che in seguito commentò così:

“Non voleva che mi divertissi a fare errori per conto mio, voleva farli lui per me.”

Ah, la saggezza dei figli…

Advertisements

About this entry