Snoopy e il primo rifiuto editoriale

Qualche mese fa avevo spedito, con la comoda ed economica tariffa postale “Pieghi di libri”, il manoscritto del mio romanzo breve, “Impara l’arte”, a una decina di case editrici, tra cui alcune delle più importanti. Nel farlo, ho seguito il consiglio della mia amica Valentina: “Spedisci e dimentica”.

Ebbene, qualche giorno fa ho ricevuto via mail il mio primo rifiuto editoriale. Probabilmente si tratta, come dice Snoopy nella vignetta sopra, di un modulo di rifiuto standard. E voglio condividerlo con voi:

Gentile Signore,
abbiamo letto il testo che Lei ci ha inviato. Siamo spiacenti di comunicarLe che esso non rientra nei nostri criteri di scelta.
La ringraziamo comunque per avercelo sottoposto e Le inviamo i nostri migliori saluti.
Adelphi Edizioni

P.S. La casa editrice Adelphi non restituisce in alcun caso il dattiloscritto o altro materiale ricevuto.

Peccato. Era bella, l’Adelphi. Sono già contento, comunque, che qualcuno lo abbia letto (anche se non ci sono prove). Spero di ricevere altre risposte. Che altro dirvi? Che, come al solito, Snoopy never lies.

Annunci