I film che ho visto in 6 mesi (lug-dic 2011)

Il primo luglio scorso ho pubblicato su questo blog una lista dei film e delle serie TV che ho visto nei primi sei mesi del 2011. Qualche mese dopo ho incontrato una coppia di amici fotografi che mi ha detto: “Lo sai che ogni tanto, quando dobbiamo scegliere un film da vedere, ritorniamo alla lista del tuo blog per avere qualche idea?”. Ecco, adesso vi presento la seconda parte della lista, ovvero i film e le serie che ho visto dal primo luglio al 31 dicembre del 2011. Facendo qualche calcolo, mi sono accorto che la quantità di tempo dedicato a questa attività, nella seconda parte dell’anno, è inferiore che nella prima parte, complice forse l’estate (che quest’anno è durata fino a novembre) che spinge a star fuori invece che al cinema o in casa a vedersi i film. E ora ecco il mio lato maniacale (perdonatemi): da luglio a dicembre 2011  ho visto soltanto 52 film e 11 serie tv, per un totale di  10595 minuti (circa 177 ore), che divisi per i 184 giorni del semestre fanno all’incirca 1 ora di film al giorno. Troppo pochi, troppo pochi. Ho lasciato anche i voti, che però sono indicativi. Non ho dato né 1 stellina, né 5 stelline a nessuno. Quindi, in pratica, potete interpretare così: 2 stelline – da non vedere; 3 stelline – si può vedere; 4 stelline – si deve vedere. Sono rimasto deluso dai primi film che ho visto al cinema e che aspettavo con ansia: La pelle che abito di Almodòvar, A Dangerous Method di Cronemberg, This Must Be the Place di Sorrentino non mi hanno convinto, così come Terraferma di Crialese e L’ultimo Terrestre di Gipi. Tutti film che vengono dai festival. Poi, col finire dell’anno, invece, la qualità dei film visti è salita, ma ne parlerò dopo la lista. Ma eccovela! Enjoy!

 

TITOLO

REGISTA  NAZ. ANNO VOTO MIN

LUGLIO

127

Uomini contro

F. Rosi Ita 1970 **** 101
128

Michel Petrucciani Body and Soul

M. Radford Fra 2011 **** 90
129

So far from India

M. Nair Usa 1982 *** 60
130

I guardiani del destino

G. Nolfi Usa 2011 ** 106
131

A tutta velocità

G. Morel Fra 1996 *** 86
131

Luther (1° stagione)

Serie Tv Uk 2010 **** 360
132

Post mortem

P. Larrain Cile 2010 *** 98
133

Biutiful

A. G. Inarritu Spa 2010 **** 138
134

Luther (2° stagione)

Serie tv Uk 2011 *** 240

AGOSTO

135

Melancholia

L. Von Trier Dan 2011 **** 136
136

All good children

A. Duffy Irl. Fra 2010 *** 80
137

Valhalla Rising

N. W. Refn Dan. uk 2009 ** 93
138

The conspirator

R. Redford Usa 2010 *** 123
139

Rabbit hole

J. C. Mitchell Usa 2010 *** 90
140

Saving Grace

T. Kalin Usa 2007 *** 97
141

Un genio, due compari, un pollo

D. Damiani Ita 1975 ** 120
142

Spaghetti house

G. Paradisi Ita 1982 *** 98
143

Wilfred

Serie TV Usa 2011 **** 242

SETTEMBRE

         
144

L’ultimo terrestre

G.A. Pacinotti Ita 2011 *** 100
145

Video 8

J. J. Abrahams Usa 2011 *** 112
146

Terraferma

S. Crialese Ita 2011 *** 88
147

Tre

T Twyker Ger 2009 *** 119
148

Il debito

J. Madden Usa 2010 *** 113
149

All good things

A. Jarecki Usa 2010 *** 101
150

Alla ricerca di Nemo

A. Stanton Usa 2003 *** 100
151

Page eight

D. Hare Uk 2011 *** 100
152

True Blood, Season 4

A. Ball Usa 2011 **** 660
153

La pelle che abito

P. Almodovar Spa 2011 *** 120
154

Uomini di Dio

X. Beauvois Fra 2010 *** 122
155

Super

J. Gunn Usa 2010 *** 96
156

A Dangerous method

D. Cronemberg Can 2011 *** 99

OTTOBRE

157

Crazy eight

J. K. Jones Usa 2006 ** 80
158

Drive

N.W. Refn Usa 2011 **** 100
159

Restless

G. Van Sant Usa 2011 *** 91
160

Weeds, Season 7

Serie TV Usa 2011 *** 325
161

Tomboy

C. Sciamma Fra 2011 *** 84
162

Ritratto di mio padre

M. S. Tognazzi Ita 2010 *** 90
163

Too big to fail

C. Hanson Usa 2011 *** 100
164

Win win

T. McCarthy Usa 2011 **** 106
165

This must be the place

P. Sorrentino Ita-usa 2011 *** 118
166

Machete

R. Rodriguez Usa 2010 *** 110
167

Il canto di Paloma

C. Llosa Peru 2008 **** 103
168

Mildred Pierce – serie tv

T. Haynes Usa 2011 **** 300
169

Essential killing

J. Skolimowski Pol 2010 **** 83
170

Modern family, Season 1

Serie tv Usa 2009 **** 528
171

Submarine

R. Ayoade Uk 2010 *** 93
172

Il ragazzo con la bicicletta

Flli Dardenne Bel 2011 **** 87
173

Pina 3D

W. Wenders Ger 2011 **** 106
174

Paris Je t’aime

AA. VV. Fra 2006 *** 120
175

Il cuore grande delle ragazze

P. Avati Ita 2011 ** 85
176

Germania Pallida madre

H Sandres-Brahms Germ 1980 *** 120
177

Modern Family, Season 2

Serie tv

Usa 2010 **** 528
178

Miracolo a Le Havre

A. Kaurismaki Finl 2011 **** 90
179

Midnight in Paris

W. Allen Usa 2011 **** 100
180

The Artist

M. Hazanavicius Fra 2011 **** 100
181

Le idi di maggio

G. Clooney Usa 2011 **** 98
182

Monsters

G. Edwards Usa 2010 *** 94
183

Achtung banditi

C. Lizzani Ita 1951 *** 96
184

Detective Dee

Tsui Hark Cina 2011 ** 122
185

Pan Am, Season 1

Serie tv

Usa 2011 ** 387
186

Homeland, Season 1

Serie tv

Usa 2011 ***** 559
187

Boss, Season 1

Serie tv

Usa 2011 **** 440
188

American horror story, Season 1

Serie tv

Usa 2011 *** 504
189

Misfits, Season 3

Serie tv

Usa 2011 *** 360

Tra i film del 2010/2011 che mi sono piaciuti molto ci sono:

Melancholia di Lars Von Trier, che ho visto in anteprima in Danimarca e al quale ho dedicato un post entusiastico appena tornato dalle vacanze (uno dei post più letti di quest’anno).

Michel Petrucciani – Body and Soul di M. Radford, che ho visto a Spoleto. Si tratta di un documentario sulla vita del grande pianista jazz francese, affetto fin dalla nascita da osteogenesi imperfetta (praticamente è nanino e ha le ossa che si rompono per un nonnulla) e che, nonostante questo, è riuscito a suonare coi più grandi jazzisti del mondo. Un genio della musica. Una vita mooolto interessante.

Drive di N. W. Refn, un bel noir d’atmosfera e azione, col protagonista, Ryan Gosling, perfetto per quella parte.

The Artist di M. Hazanavicius, un film muto che ripercorre le gioie e i dolori di un attore dell’epoca muta del cinema. Il protagonista, Jean Dujardin, è un comico famosissimo in Francia, e ha vinto con grande merito la palma d’oro come miglior attore al Festival di Cannes.

Il ragazzo con la bicicletta dei fratelli Dardenne, stavolta meno lenti del solito e con una sceneggiatura migliore.

Pina 3D di Wim Wenders è il primo film in 3D che ho visto e mi è piaciuto molto, sia il film che il 3D. Si tratta di un omaggio alla grandissima coreografa Pina Bausch, pieno di scene di danza di repertorio o ricostruite in base ai suoi vecchi spettacoli. Non c’è trama, solo poesia visiva. Ma ci sono dei momenti da togliere il fiato. E un talento, quello di Pina Bausch, che mi fa rimpiangere di non aver mai visto un suo balletto dal vivo.

Midnight in Paris di Woody Allen. Woody è uno di quei registi che, quando esce un suo film al cinema, non me lo perdo mai. Talvolta rimango insoddisfatto, specialmente per quanto riguarda i suoi ultimi lavori. Ma questo mi è piaciuto, mi ha divertito, soprattutto perché conosco molti dei riferimenti artistici e letterari della Parigi bohemienne. Un divertissement, forse, ma che classe!

Poi, in ordine sparso, mi sono piaciuti anche Le Idi di Maggio di G. Clooney (sugli intrighi del sistema elettorale USA), Submarine di R. Ayoade (film surreale e intelligente su una coppia di ragazzini alle prese con le difficoltà familiari e di crescita), Restless di Gus van Sant (strappalacrime; la giovane protagonista, Mia Wasikowska, che avevo già visto nella serie In Treatment, è bella, brava e sorridente, proprio comela creatura marzulliana Giovanna Bizzarri, ma un po’ meglio), Win Win di T. McCarthy (commedia amara su un ragazzino difficile che viene “recuperato” grazie al wrestling), Essential Killing di J. Skolimowski (un prigioniero iracheno – Vincent Gallo, sempre bravo – riesce a fuggire mentre viene portato in un carcere segreto, super braccato, tra la neve, non vi dico che fine fa; film un po’ pesantino ma bello), Rabbit Hole di J. C. Mitchell (tratto da una piece teatrale di successo e diretto dal regista di Hedwig, parla di una coppia che cerca di superare il lutto per la perdita del figlio), Tomboy di G. Sciamma (una ragazzina che vuol essere un ragazzino) e Ritratto di mio padre di Maria Sole Tognazzi (un documentario, pieno di filmati di repertorio, sulla vita del bravissimo Ugo Tognazzi).

E ora vi dovrei parlare delle serie Tv, ma mi pare che per adesso possa bastare. Dedicherò alle serie TV un post tutto loro, e mi concentrerò in particolare su due, ma non voglio anticiparvi niente.

Insomma, buone visioni.

Annunci